Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Dal sito CONI nazionale

venetocampionetrofeoconi2019Il Veneto guarda tutti dall’alto al Trofeo CONI Kinder+Sport 2019. La rappresentativa guidata dal Presidente del Comitato Regionale, Gianfranco Bardelle, si conferma in testa anche nella seconda giornata di gare e vince la sesta edizione della manifestazione multisportiva più importante in Italia dedicata agli under 14 con 110 punti complessivi, staccando di misura Sicilia (108) e Lazio (107).


Con il successo di questa edizione, svoltasi a Crotone, Cutro, Isola Capo Rizzuto, Catanzaro e Palmi, il Veneto bissa la vittoria ottenuta tre anni fa a Cagliari, succede al Piemonte, vincitore dello scorso anno, e lo raggiunge al comando della classifica di tutti i tempi, con due affermazioni ciascuno.


A premiare i vincitori , nella suggestiva cerimonia di chiusura andata in scena sulla spiaggia di Cutro, è stato Maurizio Condipodero, Presidente del CONI Calabria, organizzatore dell’evento in partnership con Kinder+Sport presente in Calabria con Massimo Castiglia e in collaborazione con il CONI Nazionale, rappresentato questa sera da Sergio d’Antoni, membro di Giunta Nazionale e Presidente del CONI Sicilia. Tra le istituzioni locali sono intervenuti, invece, il Sindaco di Cutro, Salvatore Di Vuono e il Sindaco di Crotone, Ugo Pugliese.

"Benvenuti, per la prima volta la nostra città ospita una comunità di sport così - ha detto Di Vuono -. Sicuramente avete visto le bellezze del nostro mare, siamo un popolo accogliente e sicuramente vi siete sentiti come a casa. Lo sport è molto importante e porta avanti valori che arricchiscono le nostre comunità". 

“Ho vissuto con voi l’emozione dell’inaugurazione e vivo con voi con la stessa gioia la chiusura dei Giochi - ha ricordato Pugliese -. Ringrazio il CONI e le amministrazioni che hanno lavorato in sinergia per realizzare questa manifestazione. Abbiamo voluto fare tutto questo al meglio per dimostrare che la Calabria è questa. Vogliamo toglierci di dosso l’immagine che qualcuno ci vuole attaccare sempre, non siamo delinquenti siamo persone normali. La scelta di uno di questi villaggi, non è un caso: il titolare di Porto Kaleo ha denunciato le mafie e siamo qui per dare un segnale forte".

“Questa manifestazione ha iniziato il suo percorso nove mesi fa. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato insieme a me, è stata una macchina perfetta e grazie a loro oggi siete qui. Questa sera abbiamo vinto tutti!", ha sottolineato Condipodero.

"La riuscita di questa manifestazione dimostra che la Calabria e il Sud sono in grado di unire il Paese e di dimostrare che siamo un Paese solo – le parole di D’Antoni -. Lo sport unisce, è vita, è valore. Con lo sport si impara la legalità perché si rispettano le regole come avete fatto. Con lo sport non si diventa obesi e si fa una grande operazione economica con il turismo sportivo. Se lo capissero tutti l’Italia e il Sud sarebbero un’altra cosa. Il CONI unisce dall’Alto Adige sino alla Sicilia. Premieremo chi ha vinto ma ha vinto anche chi ha perso perché lo sport è questo”.

"Ringrazio chi ci ospita, grazie alla Calabria e a Crotone - l'intervento di Castiglia -. Grazie al CONI e alle federazioni e a tutti gli istruttori che sono qua. Il terzo ringraziamento va a voi ragazzi che credete nello sport”.


Si chiude quindi con una grande festa un’edizione che ha visto la Calabria sul palcoscenico dello sport giovanile italiano, con circa 3800 atleti e tecnici in rappresentanza di da 21 Regioni e Province autonome (più le delegazioni di Canada e Svizzera) che si sono misurati nelle previste da 34 Federazioni Sportive Nazionali e 9 Discipline Sportive Associate.


Nell’albo d’oro di tutti i tempi svettano Veneto (2016, 2019) e Piemonte (2015, 2018), seguite da Lazio (2014) e Lombardia (2017) che si sono aggiudicate un’edizione ciascuna.

CLASSIFICA FINALE

Veneto 110
Sicilia 108
Lazio 107
Piemonte 99
Lombardia 98
Toscana 95
Friuli Venezia Giulia 95
Emilia Romagna 93
Puglia 91
Campania 89
Sardegna 88
Calabria 85
Liguria 80
Marche 78
Trento 75
Bolzano 65
Umbria 63
Abruzzo 60
Valle d’Aosta 25
Molise 22
Basilicata 21

CLASSIFICA FINALE DETTAGLIATA