Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

1Settemila spettatori in sei giorni, ventisei partite di altissimo livello, un parterre de roi d'eccezione per l'atto conclusivo di domenica e l'unanime consenso di tutti i presenti per una location mozzafiato.

Le finali giovanili 2019 di Milano vanno in archivio con un grande successo di critica e pubblico per quanto riguarda il Comitato Regionale Lombardo, la cui macchina organizzativa ha risposto alla grande alle sollecitazioni di un evento così importante ma anche così impegnativo da mettere in moto. E il giorno successivo alla chiusura della lunga maratona di piazza Città di Lombardia il presidente regionale Alberto Bellondi tira le somme:

“Grande soddisfazione dopo la grande fatica, ci siamo dati da fare per cercare di far divertire tutti coloro che hanno partecipato a questa stupenda kérmesse, non soltanto relativamente alle partite ma anche agli eventi collaterali tra clinic e convegni che hanno avuto un grande seguito nel corso delle sei giornate di gara di Milano. Lo sforzo è stato impegnativo, ma il successo ci ripaga di tanti sforzi”.
 
Dunque lo slogan che il massimo dirigente di via Piranesi aveva lanciato sul numero di giugno del CRL Magazine, faremo di tutto per farvi divertire, si è realizzato nei fatti:“Tenevamo soprattutto a questo e quel che si è visto sul campo lo ha evidenziato, con partite avvicinenti e di grande qualità non solo per quanto riguarda le finali nazionali ma anche le regionali. Siamo arrivati alla fine affaticati dopo aver smontato l'impianto, ma anche con la soddisfazione di aver dato il massimo per costruire un meccanismo efficace. Per le finali di domenica c'erano almeno 1500 persone, ma le tribune erano piene anche per le finali regionali ed è stata una bella soddisfazione offrire alle nostre società una vetrina così prestigiosa”.
 
Tantissimi anche i big che hanno seguito con interesse la manifestazione organizzata dal CRL che soprattutto domenica ha fatto il pieno di personalità sportive e istituzionali:
“E' stato il fiore all'occhiello dell'evento: la Regione ci è stata molto vicina a partire dalla presenza del presidente Attilio Fontana al convegno con Dino Meneghin e Flavio Vanetti e poi ad inaugurare simbolicamente la cerimonia, all'attenzione dell'assessore Martina Cambiaghi che ha presenziato spesso nelle giornate di piazza Città di Lombardia. Bellissimo anche domenica con il Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti e tanti big del nostro basket come Sasha Djordjevic, Andrea Meneghin e Marco Mordente oltre a Laura Macchi che ci ha salutato sabato. Inoltre non credo che a una finale giovanile ci siano mai stati i vertici della FIP così al completo, dal presidente Petrucci ai vicepresidenti Laguardia e Invernizzi fino al segretario generale Bertea e al suo vice”.
 
Insomma un gran bel biglietto da visita per il CRL con il presidente Bellondi che ci tiene a fare i complimenti a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita dell'evento:
“Ci tenevamo a far bene e credo che ci siamo riusciti, per questo ci tengo a ringraziare tutti i volontari dello staff che hanno dato una mano per far funzionare al meglio le cose nell'arco di 6 giorni impegnativi ma ricchi di soddisfazioni. Bravi tutti, mi auguro che siano tutti sono felici di quello che abbiamo saputo allestire; tutto è migliorabile, ma le immagini delle tribune stracolme e dello spettacolo dentro e fuori dal campo di domenica è stato davvero notevole”.
 
(Dal sito FIP lombardia)