Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Luca Moroni

Il Campionato Italiano assoluto di scacchi disputato a Cosenza si è concluso con la brillante vittoria del 17enne milanese Luca Moroni, che ha prevalso su avversari anche più quotati (3 ex campioni italiani). Ha terminato imbattuto, realizzando 7 punti su 10 partite (4 vinte e 6 pari). Torneo avvincente e indeciso fino all’ultimo, con Luca che sul filo di lana precedeva di sola mezza lunghezza i secondi classificati.

E’ il secondo più giovane campione italiano nella storia degli scacchi.

Nato a Desio (Mi/MB) il 1’ luglio 2000, abita a Bovisio Masciago (MB) e frequenta con ottimi voti il  liceo scientifico ‘Majorana’ di Desio.

Ha cominciato a giocare a scacchi all'età di 6 anni e si è formato al circolo di Ceriano Laghetto.

Ha bruciato le tappe e a 13 anni era già maestro nazionale.

Nel 2015 è arrivato brillantemente secondo (!) nel campionato del Mondo Under 16  svoltosi ad Halkidiki in Grecia, diventando così vice-campione del Mondo giovanile!

Ha ottenuto lo scorso agosto il titolo di Grande Maestro, il massimo nel mondo scacchistico.

Moroni è anche detentore del record italiano di partite giocate in  'simultanea' cioè contemporaneamente. A fine 2015 ha giocato (a Citylife - Milano) contro 120 avversari con il  risultato di 106 vinte, 5 pari e 9 perse in 6 ore e 9 minuti.

Classifica finale

Luca Moroni 7; Alessio Valsecchi e Andrea Stella 6.5; Alberto David e Danil Dvirny 6;  Michele Godena 5.5; Sabino Brunello e Francesco Sonis 4.5; Artem Gylevych 3.5;  Carlo Garcia-Palermo 3;  Daniele Genocchio 2.